Kia Stonic, SUV compatti coreani: la formazione è completa | HDlive

20 Giugno 2017 0


I coreani sono diventati una forza a livello mondiale sul lato tecnologico e a quanto dimostrano i numeri di vendita (specialmente in Europa) anche l´ambito automobilistico non è immune al fascino asiatico. La situazione non sembra nemmeno dover cambiare in futuro, visto l´ottimo lavoro che il Gruppo Hyundai-Kia sta portando avanti con convinzione.

L´ultimo tassello di questo lavoro si chiama Stonic, un SUV ovviamente, prodotto da Kia e destinato a quel segmento che proprio in Europa tira di più. Le dimensioni esterne non sono state ancora ufficializzate, ma è facile ipotizzare ingombri nell'ordine dei 4,15 metri di lunghezza, 1,8 metri di larghezza e 1,55 metri di altezza, dati che lo mettono in competizione diretta con le auto più vendute del segmento (Renault Captur, Peugeot 2008, Mazda CX-3) ma anche con modelli più grandi come Fiat 500X e Jeep Renegade più per tipo di clientela a cui Kia punta che per caratteristiche del veicolo.

Nel gruppo delle concorrenti mettiamo ovviamente anche la cugina Hyundai Kona, apparente "cugina" di Kia Stonic ma completamente diversa nell'estetica e nella meccanica: nel caso della Kia, infatti, il pianale è quello della nuova Rio e la trazione sarà solamente sull'asse anteriore.

Più classica, ma sempre personalizzabile


A prima vista l´auto ha proporzioni sportive e ancora più compatte rispetto a quelle della Kona, mostrando un´estetica più sportiva e "pulita" viste che le linee della carrozzeria sono meno marcate e meno calcate. Il merito, anche in questo caso, è del centro stile Kia europeo, in collaborazione con quello coreano. La calandra Tiger Nose è protagonista di una nuova interpretazione per Kia ed è meno ampia di quanto visto sulla Kia Sportage, ad esempio.

Il tetto a contrasto aiuta a ridurre ancor più l´impressione di trovarsi di fronte ad un'auto rialzata e riduce l´impatto della maggiore altezza da terra rispetto alla Kia Rio, da cui meccanicamente questa Stonic deriva. I grossi inserti in plastica nera nei passaruota e nella parte inferiore delle fiancate completa il lavoro di dimagrimento virtuale fatto dai designer del Kia Design Centre di Francoforte. Sia la vista laterale che posteriore confermano l´impressione di trovarsi davanti ad un´auto dall´indole sportiva grazie al ¾ posteriore importante e la linea di cintura alta.

Interni di buona qualità


Anche gli interni mostrano una stretta parentela con la Kia Rio ma anche con l´abitacolo rinnovato di recente sulla Picanto, in particolare per il disegno del volante, dei comandi del climatizzatore ed anche dello schermo da 7" touchscreen sospeso sulla plancia. Appena entrati all´interno dell´abitacolo si notano le plastiche ben assemblate e una qualità generale più che discreta, in linea con gli standard raggiunto da Kia di recente. In modo furbo troviamo inserti in materiale morbido sulle portiere mentre il resto dei rivestimenti è in plastica rigida. In plancia i dettagli in abbinato al colore della carrozzeria mostrano la grande possibilità di personalizzazione che quest'auto garantirà ai clienti. Saranno disponibili al lancio commerciale (che avverrà a settembre 2017) accessori importanti come la frenata d´emergenza automatica, il mantenitore di corsia ed il controllo dell´angolo cieco, oltre che il cruise control adattivo.

Spazio per 5

La presenza di una piattaforma compatta come quella di Kia Rio non ha pregiudicato lo spazio interno, ottimizzato per cinque occupanti, specialmente per quanto riguarda gambe e testa dei passeggeri posteriori. Il bagagliaio offre una capienza di 352 litri, uno dei valori più alti nella categoria dei B-SUV. Chi siede dietro non ha problemi a distendere le gambe e anche chi sta davanti ha ampie possibilità di regolazione del sedile: a riguardo Kia ha fatto un ottimo lavoro e ha tratto i vantaggi della piattaforma di ultima generazione usata sulla Rio.

Un SUV da guidare, in sicurezza

Sterzo e sospensioni di Kia Stonic sono stati progettati per i gusti degli automobilisti Europei, che beneficeranno dunque di un setup votato alla guida dinamica. La vettura presenta ESP, VSM (Vehicle Stability Management), con Torque vectoring by Braking (che migliora la stabilità in curva servendosi dei freni), Straight Line Stability, e Cornering Brake Control.

Grande attenzione è stata dedicata alla sicurezza passiva, con una struttura realizzata al 51% con acciai alto resistenziali. Non mancano tutti i più recenti dispositivi di assistenza alla guida DRiVE WISE, pacchetto che include Autonomous Emergency Braking (AEB) con riconoscimento pedoni and Forward Collision Alert (FCA), il Blind Spot Detection (BSD) con Rear Cross Traffic Alert (RCTA), il Lane Departure Warning System (LDWS), la telecamera a 360 gradi, gli abbaglianti automatici e il sensore che rileva la stanchezza del conducente.

Nuovi motori, ma la trazione è solo anteriore

Oltre alla meccanica di base, anche alcuni motori saranno diversi da Kona: sotto al cofano i clienti potranno scegliere tra il 1.0 T-GDI turbo benzina da 120 CV e due motori aspirati 1.2 da 84 CV (neopatentati) e 1.4 MPI da 100 CV, mentre per quanto riguarda i diesel la scelta sarà limitata ad un 1.6 da 110 CV. Tutte le versioni saranno a cambio manuale e trazione anteriore. Come già accennato, la trazione sarà solo anteriore. I prezzi? Ancora da definire ovviamente, saranno comunicati subito prima al lancio ufficiale. E´ logico attendersi però listini nell´ordine dei 15 mila euro di partenza. Anche la Stonic poi offre la garanzia di 7 anni o 150 mila Km, un plus non indifferente nell'acquisto di un'auto nuova.

Stile classico, prestazioni ottime e prezzo contenuto? Huawei P8 Lite 2017, compralo al miglior prezzo da Amazon a 161 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve

Auto

Porsche 718 Boxster e Cayman: finalmente anche GTS