Al Mugello per scoprire MotoGP eSport Championship

05 Giugno 2017 0

Rimani aggiornato quotidianamente sui video, approfondimenti e recensioni di HDblog. Iscriviti ora al canale Youtube, basta un Click!

Ancora una volta sport reali e virtuali trovano un punto di contatto grazie al mondo degli eSports, quella serie di eventi - online e non - dove si passa dal semplice divertimento alla competizione. I motori hanno abbracciato il mondo degli sport elettronici da tempo e continuano a farlo. Dopo le iniziative dedicate alle quattro ruote, con Hyundai che mette in palio una i20 per WRC e McLaren che cerca gamers da assoldare per lo sviluppo del simulatore di Formula 1, ecco il debutto delle due ruote. Dorna, che gestisce la MotoGP, e Milestone, hanno presentato il MotoGP eSport Championship, un campionato che si articola su su varie tappe online in cui mettersi alla prova alla ricerca del tempo migliore. Una volta detta la propria in pista, i piloti virtuali saranno selezionati per la finale dove 16 partecipanti si sfideranno per il titolo, sfruttando come cornice la tappa finale della MotoGP di Valencia.


L'evento dello scorso weekend ha confermato la direzione già intrapresa, l'unione tra due mondi che non solo "nobilita" l'arte dei videogiochi ma permette anche agli appassionati di motori di sfruttare un'opportunità unica, quella di entrare in contatto con una realtà che, ad eccezione della visione delle gare in TV o sulle tribune, resta lontana dai  "comuni mortali". Aziende produttrici, team e piloti si interessano sempre di più ai videogiochi e questi, dall'altra parte, diventano sempre più realistici. Il legame tra videogiochi di auto o moto e mondo reale, infatti, è uno di quelli invisibili, fatto di sviluppatori che lavorano a contatto con produttori di veicoli e accessori per replicare non solo l'estetica dei mezzi ma anche la funzionalità, la reazione di sospensioni e pneumatici, il modello di guida e la risposta a diverse condizioni ambientali e diversi terreni.

Le sette tappe del campionato eSport sono associate alle gare della competizione reale e le selezioni dureranno 10 giorni. Alla fine di ognuna delle sfide, i giocatori migliori avranno un posto per la finale:

  • 29 giugno - 9 luglio: Sachsenring (pilota: Iannone)
  • 13 luglio - 23 luglio: Jerez (pilota: Marquez)
  • 10 agosto - 20 agosto: Red Bull Ring - Spielberg (pilota: Espargarò)
  • 24 agosto - 3 settembre: Silverstone (pilota: Lowes)
  • 7 settembre - 17 settembre: Misano (pilota: Lorenzo)
  • 21 settembre - 1 ottobre: Motorland (pilota: Rossi)
  • 12 ottobre - 22 ottobre: Phillip Island (pilota: Vinales)

Il primo classificato vincerà una BMW M240i, il secondo metterà le mani sulla KTM RC390 e al terzo andrà una Smart TV.


Quattro salti al Mugello

Non di soli videogiochi si è parlato al Mugello: la tappa italiana della MotoGP ha infatti ospitato  le consuete tre classi in pista, tre gare che hanno visto il trionfo degli italiani in Moto3, Moto2 e MotoGP. Se nella Moto3 il "gioco delle scie" ha restituito una gara ricca di stravolgimenti dove, ad ogni passaggio tra fine del rettilineo e staccata per la San Donato, si mescolavano i molti piloti del gruppone di testa (fino al finale con Migno primo e Di Giannantonio secondo), la Moto2 ha infiammato gli animi degli spettatori, al punto da restituire uno spettacolo quasi superiore alla classe regina. Il "Pasini show" ha infatti tenuto sulle spine il pubblico (registrate 164.000 presenze nel weekend di gara) con sorpassi al cardiopalma alla Casanova tanto da spingere i cronisti a ribattezzarla la "Casanova-Pasini".


Si arriva così alla MotoGP, dove il rombo dei motori in partenza spacca i timpani e si sente fin nello stomaco: una sensazione difficile da descrivere a parole ma tale da far consigliare - almeno una volta nella vita - di assistere ad una gara dal vivo proprio per provarla.

La prima fila, con Vinales, Rossi e Dovizioso, ha dato spettacolo alla partenza: Rossi in testa, Lorenzo che risale al podio virtuale dalla terza fila e la successiva bagarre tra i due per il comando. Le carte in tavola cambiano quando Dovizioso passa Rossi e Petrucci supera Lorenzo: l'inizio di quello che diventerà poi il "dominio" Ducati, interrotto solo da Vinales che riesce a strappare il secondo posto a Petrucci, più veloce di un Valentino che si accontenta del quarto piazzamento a causa di un ritmo troppo serrato del trio di testa.

#motogp #girls #paddockgirls #mugello #bikerstyle #bikerslife #motolady #instagirl #ombrelline #bikestagram #bikerslife

Un post condiviso da Luigi Melita (@iron_mel) in data:

Schermo enorme ma dimensioni decisamente contenute. Display bellissimo e batteria ampia? Samsung Galaxy S8 Plus, in offerta oggi da Guarda il prezzo a 550 euro oppure da Amazon a 637 euro.
Samsung Galaxy S8+ G955f 64gb Lte Viola Orchid Grey è disponibile da puntocomshop.it a 579 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tesla

Tesla Model S 100 D | Prova su strada e Focus Tecnologia

Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve