Vendite Nissan: i crossover trainano la crescita

14 Aprile 2017 0

[caption id="attachment_174029" align="aligncenter" width="520"]


Infografica Vendite marzo 2017[/caption]

Ormai lo sanno anche i sassi che quando si parla di SUV e crossover i produttori gongolano: il mercato continua a premiare questi segmenti e per Nissan, primo ad introdurre in massa il concetto di crossover, il gioco è ancora più facile.

Con la chiusura dell'anno fiscale 2016 (terminato il 31 marzo 2017), arrivano i dati relative alle vendite che confermano Nissan al primo posto nel segmento dei crossover grazie a Qashqai, Juke e X-Trail. I risultati sono in crescita rispetto all'anno precedente, con un 6.7% figlio delle 735.725 unità in Europa. Per citare i risultati di alcuni Paesi, l'Italia ha visto un incremento del 5.4% (66.000 auto vendute), Spagna del 13.3%, Regno Unito del 7.5%, Francia e Germania del 4.7%.

Guardando ai numeri, Qashqai ha venduto nel 2016 più di 270.000 unità, Juke ha superato i 100.000 pezzi, X-Trail si attesta sulle 90.000 unità, Micra, complice il nuovo modello, ha superato le 70.000 unità e al quinto posto della classifica interna si piazza Nissan Note con 35.000 vendite. Buone le prestazioni di Leaf che si conferma al top per le elettriche e raggiunge quota 23.000 unità nel 2016 in Europa.

Chiudendo con alcuni numeri sul mercato italiano, Nissan ha il 3.2% di quota di mercato (3% per le autovetture e 4.6% per i veicoli commerciali, in crescita del 42.7%) e i modelli più venduti nel nostro Paese sono Qashqai, Micra e X-Trail


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Audi

Audi Q2: recensione e prova su strada | HDtest

Hyundai

Hyundai IONIQ Electric: Live Batteria in extra-urbano

Volkswagen

Auto elettriche 2018: i modelli in commercio in Italia, prezzi e autonomia

È il navigatore l'optional più richiesto dagli automobilisti italiani