Honda Clarity: a New York "si fa in tre"

13 Aprile 2017 0


Honda ha intenzione di trasformare la Clarity nel modello di riferimento per le propulsioni alternative: ecco perché, a New York, il modello nato a idrogeno diventa anche ibrido plug-in ed elettrico.

La vera svolta "ambientale" di Honda arriva al Salone di New York 2017, in quanto il modello iper-tecnologico Clarity, nato inizialmente come auto a idrogeno, si declina ora nelle ben più interessanti (a livello commerciale) versioni elettrica e ibrida plug-in.

Del resto, il target di Honda per i prossimi quattro anni è quello di vendere 75.000 esemplari di questa famiglia di vetture, anche in previsione del traguardo del 2030, in cui si prevede che due terzi delle Honda vendute saranno elettriche o ibride. Da vettura di nicchia, Clarity diventa dunque un modello estremamente interessante anche a livello di vendite, diventando la prima vettura al mondo disponibile in tre diverse configurazioni - elettrica, ibrida plug-in e fuel cell.

Clarity diventa una famiglia, come Prius e Ioniq

Come le succitate concorrenti, anche Clarity diventa ora una famiglia di modelli, pensati per intercettare tutti quei clienti che hanno deciso di dire basta ai carburanti alternativi (almeno in parte). Indipendentemente dal modello scelto, ogni Honda Clarity vanta un design profondamente personale, pensato per rispondere in maniera concreta alle esigenze aerodinamiche: ci troviamo di fronte ad una vettura bassa e filante, con alcuni accorgimenti utili per ridurre la resistenza aerodinamica, come la coda tronca e le ruote posteriori parzialmente coperte dalla carrozzeria.

A seconda del powertrain scelto, poi, cambiano alcuni dettagli, come i fari posteriori, la griglia anteriore e il disegno dei cerchi, oltre agli allestimenti interni, realizzati con materiali gradevoli al tatto e alla vista ma, soprattutto, a basso impatto ambientale, come del resto tutta la vettura.

Honda Clarity Plug-in Hybrid


La versione "ricaricabile" di Honda Clarity si distingue innanzitutto per i fanali posteriori con ottica rossa e per i cerchi da 18 pollici bi-colore con disegno a turbina. Disponibile nei due allestimenti standard e Touring, è in grado di percorrere più di 67 kilometri con una sola ricarica. Il motore elettrico è abbinato ad un 1.5 benzina 4 cilindri a ciclo Atkinson ad alta efficienza, che funge quasi da range extender piuttosto che da motore primario. L'unità elettrica è infatti di quelle importanti, con una potenza equivalente a 183 CV e una coppia istantanea di 315 Nm. La batteria, da 17 kWh di capacità, si ricarica a 240 volt in 2 ore e mezza.

Clarity Plug-In Hybrid presenta quattro modalità di utilizzo: Normal, Econ, Sport e HV mode. Quest'ultima consente può essere utilizzata in combinazione con le prime tre e consente di mantenere sempre la batteria carica.

Honda Clarity Electric


La Honda Clarity Electric si nota per i cerchi in lega di dimensioni ridotte, i fari posteriori con ottica bianca e la griglia anteriore chiusa. Sotto al cofano batte un motore totalmente elettrico da 163 CV e 300 Nm di coppia, con un pacco batterie da 25.5 kWh, ricaricabili a 240 volt in sole tre ore. In più, se si utilizza la ricarica rapida DC con standard SAE, si può avere l'80% della ricarica in soli 30 minuti.

Anche qui è possibile avere tre modalità di guida: Normal, Econ e Sport, mentre l'autonomia non è ancora stata dichiarata.

Nessun compromesso per durata batteria a parità di prezzo? Lenovo P2 è in offerta oggi su a 295 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini