Mini Remastered: l'icona si rinnova con design artigianale e tecnologia

07 Aprile 2017 0


Uno spettacolare lavoro di artigianato, ingegneria, design e tecnologia d'avanguardia quello che ha fatto da base alla Mini Remastered, la riproposizione nel 21esimo secolo dell'icona degli anni '60 ad opera di David Brown Automotive.

Premessa: un vero restauro di auto d'epoca dovrebbe prevedere l'utilizzo esclusivo di elementi completamente originali o fedeli riproduzioni. Dunque anche solo pensare di mettere un touch-screen su una Mini del 1959 potrebbe risultare blasfemia pura. Scommettiamo però che, dopo aver guardato la gallery della Mini Remastered, le vostre convinzioni sull'idea di "restauro" non saranno più le stesse?

A noi è successo esattamente questo: una vettura dotata di tutti quei piccoli gadget di cui oggi non si può fare a meno, in un abito vintage confezionato - rigorosamente a mano - su misura del cliente. E la blasfemia si trasforma in una vera opera d'arte. Sicuramente un po' hipster, ma anche altrettanto affascinante.

La filosofia del carrozziere inglese David Brown Automotive è sintetizzata in due righe:

Abbracciare il DNA di un'icona classica e rimasterizzarla in modo professionale e rispettoso per venire incontro alle esigenze della vita moderna.


Mini Remastered - questo il nome della vettura - riporta ai fasti originali delle Mini di prima generazione, attraverso un lavoro che unisce artigianato, ingegneria e tecnologia moderna. Lo spirito della prima Mini è intatto, e in più ci sono tutte le cose che si vorrebbero trovare su un'auto del 2017.

Riassemblata e rinforzata nella parte strutturale (la struttura è tutta nuova), la Mini Remastered presenta carreggiate allargate "nascoste" da nuovi passaruota in tinta carrozzeria, scarico centrale e nuovi gruppi ottici posteriori. La verniciatura è stata realizzata a mano, con un processo della durata di quattro settimane, che assicura protezione e incredibile lucentezza.


Le cornici di alluminio ad effetto specchio si trovano intorno ai fari, sulla linea dei finestrini, sui paraurti e sulla griglia frontale a elementi orizzontali, una sorta di firma di David Brown Automotive. Dettagli come gli indicatori di direzione integrati negli specchietti o i nuovi fari a LED posteriori, ci fanno capire che siamo davanti ad una vettura che è più di un semplice restauro. La vera sorpresa è dentro, dove la plancia originale è stata arricchita dal punto di vista dei materiali ma soprattutto con tanta tecnologia moderna: stiamo parlando di un sistema di infotainment con display touch da 7" completo di Apple CarPlay e Android Auto, tasto start senza chiave e telecomando e sistema di climatizzazione con delle bocchette ispirate a quelle delle più recenti Mercedes-Benz.


Tutto questo è frutto di 1.000 ore di manodopera specializzata. Grazie alla nuova struttura, la vettura offre maggiore rigidità e sicurezza, oltre ad una migliore insonorizzazione e affidabilità. Il motore è stato completamente riprogettato, per una potenza che ora è superiore del 30% rispetto all'unità originale. Nuova è anche la trasmissione manuale a 5 rapporti, ottimizzata per la maggiore potenza.

Il prezzo? Tutto sommato onesto, visto il fascino del progetto e la tecnologia applicata: 50.000 sterline per le versioni "standard", 70.000 per i primi 50 esemplari in edizione limitata, che vi invitiamo a scoprire nel dettaglio sul sito ufficiale.  Nel frattempo, date un'occhiata alla nostra gallery, non ve ne pentirete.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Audi

Audi Q2: recensione e prova su strada | HDtest

Hyundai

Hyundai IONIQ Electric: Live Batteria in extra-urbano

Volkswagen

Auto elettriche 2018: i modelli in commercio in Italia, prezzi e autonomia

È il navigatore l'optional più richiesto dagli automobilisti italiani