Kia Picanto 2017, la prova su strada della coreana piccola ma grande | HDtest

31 Marzo 2017 0

In un segmento come quello delle piccole citycar la concorrenza é talmente tanta che non si può lasciare spazio agli altri marchi con auto non al passo con i tempi. Se poi si aggiunge che velocità di sviluppo delle tecnologie é diventata molto rapida negli ultimi anni, capirete perché Kia abbia deciso di presentare la nuova generazione (la terza) della Picanto a soli 6 anni da quella precedente. Cambia molto per la piccola coreana, a cominciare da un telaio che non è del tutto nuovo ma piuttosto é stato aggiornato per offrire più spazio agli occupanti e ai loro bagagli ed anche una migliore dinamica di guida.

Fuori diventa più "cattiva"

I cambiamenti riguardano diverse componenti a cominciare dalla nuova mascherina "Tiger Nose" come la chiamano in Kia e dai nuovi gruppi ottici, rispetto alla "vecchia" Picanto le proporzioni sono simili ma le forme più taglienti e aggressive (specialmente nell´allestimento GT Line), in una parola più moderne. Dietro la fanaleria a LED é molto moderna e si sviluppa di nuovo in orizzontale, impreziosendo il portellone posteriore. Inoltre il già citato GT Line presenta il doppio terminale di scarico cromato, che sottolinea il carattere sportivo di questo allestimento. Il centro stile Kia, situato a Francoforte, ha fatto un ottimo lavoro nel rinnovare l'estetica della Picanto pur mantenendo simili i suoi tratti principali.

Per 15 mm in più

Ma la differenza principale rispetto alla vecchia generazione la fa l´abitabilitá che è migliorata grazie ad un passo aumentato di 15 mm - si arriva così a 240 cm su una lunghezza totale di 3,59 metri. Un centimetro e mezzo basta per rendere un'auto migliore? Difficile dirlo a prima vista ma quel che è certo è che il bagagliaio è diventato molto più grande (255 litri di capacità minima contro i 200 di prima) e quattro occupanti siedono comodi a bordo anche se sono di statura elevata. Kia comunica poi di aver alzato di altri 15 mm la plancia, tra l'altro completamente rinnovata e con il nuovo infotainment touchscreen da 7", per favorire chi sta davanti e aumentare lo spazio disponibile per le gambe. Il conducente purtroppo non ha a disposizione la regolazione verticale del piantone dello sterzo ma solo quella longitudinale. I più alti, come spesso capita nella categoria, potrebbero stare un po' stretti;  da sottolineare invece la regolazione in altezza dell'attacco della cintura di sicurezza.

La prova del 1.2 MPI e del 1.0 MPI

Come dicevamo la piattaforma rimane invariata ma modificata e resa più rigida di prima. Questo ha permesso di ampliare il passo dell'auto, che come detto va a vantaggio dell´abitabilitá ma anche della dinamica di guida e della maneggevolezza. Lo sterzo inoltre é stato reso più diretto, cosa che rende l'auto più divertente e gustosa da guidare tra le curve e le manovre più semplici e veloci. L´attacco delle ruote posizionato in prossimità dei quattro angoli del corpo vettura inoltre ha diminuito il beccheggio (trasferimento delle masse in senso longitudinale) e reso l'auto più stabile.

Insomma si guida bene, ancora più quando i cerchi sono da 16" e spalla 45. In questo caso però é scontato avere maggiore sollecitazioni sulle sconnessioni più secche e più rumorosità in marcia. I cerchi da 16" sono quelli più grandi forse quelli da 15" rimangono la scelta migliore vista l'impostazione dell'auto, a meno che non vogliate puntare tutto sull'effetto scenico che i cerchi da 16" garantiscono.

Il cambio é manuale a cinque marce ed è ottimo: gli innesti sono regolari e precisi sempre. Dove dà il suo meglio è nell'accoppiata con il 1.0 da 68 CV perché non perde un colpo ed è un piacere snocciolare ogni marcia una dietro l'altra; sul 1.2 da 83 CV il giudizio rimane comunque decisamente positivo ma nella guida mostra ogni tanto qualche lieve incertezza. I motori disponibili sono attualmente due ma diventeranno tre entro fine 2017 - la variante GPL è in fase di omologazione e arriverà non appena ottenuta. Al lancio saranno disponibili un tre cilindri aspirato da 68 CV ed un 1.2 quattro cilindri da 83, sempre aspirato.

Entro l'anno arriverà anche il nuovissimo tre cilindri turbo da 100 CV - che abbiamo provato sulla Hyundai i20 Active. L'insonorizzazione dell´auto é in linea con il resto della categoria e si traduce in pochi rumori meccanici e dall'ambiente esterno; qualcosa semmai filtra dagli pneumatici (specialmente quelli da 16"). Il 1.0 MPI stupisce, in questi primi chilometri sulle strade attorno a Barcellona, per la fluidità di funzionamento e l'assenza di vibrazioni. In manovra si apprezza il raggio di sterzata ridotto e la telecamera mette una pezza dove la Picanto é più carente, ossia nella visibilità posteriore causa un lunotto di dimensioni ridotte.

L'uso maggiore di acciai altoresistenziali ha permesso di avere un'auto più rigida torsionalmente a vantaggio della dinamica, come abbiamo detto, ma anche più sicura in caso di incidente perché più resistente alle deformazioni. Inoltre, grande novità della nuova generazione sono i sistemi di assistenza alla guida tra cui la frenata automatica di emergenza ed anche, inedito per la categoria, il Torque Vectoring. Quest'ultimo si affida all'impianto frenante per rallentare la ruota interna alla curva e ridurre il sottosterzo in accelerazione, lavorando in simbiosi con l´ESP.

In attesa del 1.0 turbo

L'auto sarà disponibile da maggio 2017. Come detto la Kia Picanto é nuova sia dentro che fuori e le novità l'hanno resa una delle migliori nella categoria. Mettendo in proporzione l´abitabilitá con le dimensioni esterne; le prestazioni con il prezzo e la tecnologia offerta si ottiene una formula vincente, che rende l'auto una valida opzione per la mobilità cittadina e non solo.

La gita fuori porta non é off limits grazie al bagagliaio capiente e il confort é ottimo considerando la categoria di appartenenza. Buona la tecnologia di bordo ed il sistema di infotainment che offre anche Apple CarPlay e Android Auto. La frenata di emergenza automatica é un "+" in pagella, a cui non bisognerebbe rinunciare in caso di acquisto.

Il 1.0 che non a caso mostra tutte le sue intenzioni green con un badge sul portellone che recita "Eco Dynamics" è sicuramente il più parco dei motori disponibili - le medie si attestano tranquillamente sui 20 al litro in strada extraurbana - ma è piuttosto fiacco e perciò ha senso se cercate qualcosa che sia economico all'acquisto e nella gestione. Il 1.2 MPI invece è l'opzione migliore se spesso viaggiate fuori città e volete un po' più di ripresa e risposta del motore in accelerazione.

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone 8 Plus, in offerta oggi da Tiger Shop a 742 euro oppure da Amazon a 824 euro.
Apple Ipad Pro 10,5" Wi-fi 64gb Space Grey è disponibile da puntocomshop.it a 627 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tesla

Tesla Model S 100 D | Prova su strada e Focus Tecnologia

Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve