In Olanda arrivano i semafori per gli "smartphone-dipendenti"

16 Febbraio 2017 0


L'idea è semplice ma potrebbe ridurre il rischio di investimenti dovuti alla distrazione da smartphone: ecco come funzionano i semafori +Lightline.

Il problema dell'investimento di pedoni distratti dall'utilizzo del proprio smartphone è ben più grave di quanto si pensi: nel 2015, secondo uno studio effettuato dall'ente tedesco Dekra, ben il 10% degli investimenti mortali di pedoni è stato dovuto alla loro distrazione, gran parte dovuta all'utilizzo di smartphone o lettori MP3. Anche in Italia il dato è allarmante: a Milano sono ben 6 su 10 i pedoni "distratti" dall'uso dei propri dispositivi. Uno studio Ford, realizzato sui pedoni più giovani (tra 18 e 24 anni), ha inoltre rivelato che ben l´86% di questi dichiara di non guardare la strada mentre attraversa.

Per questo motivo, si sono moltiplicati negli ultimi anni i progetti che hanno cercato di trovare una soluzione a questa grave tendenza: in Germania, per esempio, sono stati intallati ai bordi degli incroci dei segnalatori luminosi che diventano rossi quando il semaforo è rosso e verdi quando si può attraversare. In questo modo gli "smartphone-dipendenti", naturalmente rivolti verso l'asfalto, potranno accorgersi dei semafori rossi.

Un'idea più semplice ma altrettanto efficace è stata presentata dall'azienda olandese HIG Traffic Systems: si chiama +LightLine ed è costituita da una striscia di LED che illumina la pavimentazione in corrispondenza degli attraversamenti pedonali, diventando rossa o verde in base al colore del semaforo corrispondente.

Il prototipo, installato nella cittadina di Bodegraven-Reeuwijk, avvisa anche quando sta per scattare il rosso mediante un'evidente intermittenza, a prova di distratto.


Una soluzione diversa, ma ugualmente efficace, è quella sperimentata nella città cinese di Chongqing, dove sono state predisposte due corsie separate nel marciapiede: una dedicata agli imprudenti "smombies" (neologismo che unisce smartphone e zombies, coniato per identificare tutti i pedoni che, distratti dai loro telefoni, camminano in uno stato di isolamento dal mondo reale) e una per coloro che camminano prestando attenzione.

Insomma, visto che è quasi impossibile risolvere il problema alla radice, tanto vale giocare d'anticipo attuando la prevenzione. Chissà se e quando questi sistemi arriveranno anche in Italia...


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini