Lamborghini Urus: sarà la prima Lambo ibrida plug-in

28 Dicembre 2016 0


Lamborghini Urus arriverà l'anno prossimo ed avrà un powertrain ibrido plug-in, come conferma Maurizio Reggiani, responsabile sviluppo tecnico. Ecco cosa si sa per ora del primo SUV moderno di Sant'Agata. 

Il prossimo arrivato della famiglia Lamborghini non sarà solo il primo SUV della storia recente del marchio, ma godrà anche della tecnologia ibrida plug-in per restituire sensazioni di guida da Lambo e, perché no, consumi più contenuti in certe situazioni di marcia. A confermarlo è Maurizio Reggiani, responsabile dello sviluppo tecnico di Lamborghini, che in una intervista a Autocar ha aggiunto novità interessanti al puzzle che si completerà nel 2017, quando sarà presentato al pubblico.

Sulla base della SQ7 e della Bentayga

La base meccanica della Lamborghini Urus sarà la stessa della Audi SQ7 e della Bentley Bentayga, con la differenza che la prima è alimentata a diesel e la seconda ha un motore 6.0 litri W12 sotto il cofano. L'Urus invece sarà spinta da un motore 4.0 litri V8 biturbo, il che rappresenta una novità per le auto del Toro della storia moderna: mai se ne era vista una con un motore così "razionale". Reggiani aggiunge poi che "per Urus sarà obbligatoria la turbocompressione, perché ai SUV serve una coppia enorme più che la capacità di girare a regimi alti". Il turbo sarà alimentato da un circuito a 48 Volt in grado di mettere in modo la turbina ed eliminare il cosiddetto turbo lag (la mancanza di risposta del motore alla pressione dell'acceleratore).

Quattro ruote motrici e "alla spina"

Come ogni SUV che si rispetti, Lamborghini Urus avrà una trazione integrale - cosa non inedita per le recenti auto del marchio di Sant'Agata - e sarà in grado di cavarsela anche in situazioni poco agevoli per l'Aventador o la Huracan ma non solo. Grazie all'elettronica si potrà dare un comportamento su strada sempre diverso grazie alla pressione del tasto di gestione dei programmi di guida, che in Lamborghini si chiama Anima (Adaptive Network Intelligence MAnagement). In futuro potrebbero poi arrivare delle varianti a trazione posteriore, proprio come già previsto da Alfa Romeo per la Stelvio? Per ora non ci sono conferme ma vista la linea tracciata con le ultime Lambo tutto dietro non ci sarebbe da stupirsi. Inoltre, come detto all'inizio, Lamborghini Urus sarà anche ibrido plug-in e dovrebbe derivare il sistema di alimentazione dall'Audi Q7 e-tron quattro e Porsche Cayenne S E-Hybrid, dove garantisce 56 Km di percorrenza senza emissioni nel primo caso e fino a 38 nel secondo caso. La piattaforma PL73 (MLB) del Gruppo Volkswagen permette di avere accesso alle tecnologie portate avanti negli anni dagli altri marchi della Galassia di Wolfsburg. Vedremo se questo Lamborghini Urus sarà davvero degno della famiglia a cui appartiene, considerazioni che si potranno fare solo quando si sarà alla guida.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Audi

Audi Q2: recensione e prova su strada | HDtest

Hyundai

Hyundai IONIQ Electric: Live Batteria in extra-urbano

Volkswagen

Auto elettriche 2018: i modelli in commercio in Italia, prezzi e autonomia

È il navigatore l'optional più richiesto dagli automobilisti italiani