Ferrari 488 Challenge, svelata la bestia per i monomarca

05 Dicembre 2016 0


La Casa del Cavallino rampante ha presentato la nuova Ferrari 488 Challenge, il nuovo modello dedicato alle competizioni "clienti" del monomarca Ferrari Challenge.

Durante le Finali Mondiali del Ferrari Challenge è stata presentata la nuova arma che permetterà ai fortunati piloti privati dei campionati monomarca Ferrari di scatenarsi in pista. Sono stati più di 1.000 i piloti che hanno preso parte a altrettante gare durante queste 24 stagioni di Ferrari Challenge. In occasione della stagione 2017, verrà scatenata tra i cordoli di mezzo mondo la nuova Ferrari 488 Challenge che ha dato già dimostrazione di ciò che è capace abbassando il tempo sul giro del Circuito di Fiorano di 1".


Stessa potenza ma motore migliore

La 488 Challenge è spinta dal motore di 670 CV, 3.9 litri, V8 derivato dalla serie, propulsore che nel 2016 ha ricevuto il premio International Engine of the Year. A seguito di un intenso sviluppo di motore, aerodinamica e telaio, la 488 Challenge ha raggiunto un livello di performance, che ha portato il cronometro a fermarsi a 1'15''5. Le caratteristiche del motore sono le stesse della versione di serie, ma il propulsore è stato nella centralina per erogare la potenza in maniera efficace nell'uso intenso.


La trasmissione è la F1 DCT, studiata per l'utilizzo in pista, fa il paio con modifiche che hanno abbassato il peso del powertrain. Per la prima volta su una vettura del Challenge esordisce il sistema Ferrari Side Slip Control (SSC). Tale sistema è integrato con i dispositivi elettronici della vettura relativi al controllo dinamico ed è calibrato, insieme con il controllo di trazione e l'E-Diff3, per garantire un migliore ingresso in curva, una migliore percorrenza della stessa ed una maggiore trazione in uscita.

Aerodinamica più efficace

La maggiore modifica rispetto alla Ferrari 488 GTB di serie è quella dell'aerodinamica che permette di ottenere le migliori prestazioni in pista grazie alla deportanza. Il radiatore frontale è stato rivisto per garantire un incremento di aria diretta ai radiatori ed allo stesso tempo riduce la resistenza aerodinamica. La nuova configurazione ha richiesto un rinnovato disegno delle ventole sul fondo del paraurti davanti alle ruote anteriori.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini

Opel

Opel Combo Life: multispazio tech tutto da vivere | Prova in anteprima

Renault

Dacia Duster: ritorna la versione a GPL | Prezzi da 13.350 euro