Opel Insignia: nuovi dettagli sulla seconda generazione

23 Novembre 2016 0


La seconda generazione dell'ammiraglia di Rüsselsheim sarà più dinamica e atletica, grazie ad un alleggerimento importante e ad un telaio all'altezza delle prestazioni.

Nuova Insignia crescerà con il passaggio alla seconda generazione: il nuovo nome Grand Tourer porterà infatti con sé una serie di importanti novità, a partire da dimensioni maggiori, più spazio interno e, soprattutto, una dinamica di guida inedita per la vettura.

Questo sarà possibile grazie ad una riduzione del peso fino a 175 kilogrammi rispetto alla precedente generazione, anche se la vettura sarà più lunga e spaziosa di prima. Più bassa di 29 mm, con carreggiata aumentata di 11 m e passo superiore di 92 mm, la nuova Insignia sarà più stabile alle alte velocità e si coricherà di meno in curva.


Nuovo è anche il telaio FlexRide, un'evoluzione di quello presente sull'ultima generazione di Opel Astra, qui ulteriormente sviluppato per gestire ammortizzatori, sterzo e propulsione automaticamente o attraverso le modalità "Standard", "Sport" e "Tour", selezionabili a piacere. In particolare, in modalità Standard il sistema seleziona automaticamente la migliore impostazione sulla base delle informazioni raccolte dai sensori del veicolo; in Tour viene impostata una configurazione comoda del telaio che privilegia il comfort e i consumi, per viaggiare in souplesse; in Sport, invece, la vettura diventa più piatta, il telaio si inclina molto meno in curva a velocità elevate e lo sterzo comunica in modo molto più diretto le condizioni della strada.

Il telaio FlexRide, in ogni caso, adatta elettroidraulicamente gli ammortizzatori alla strada e alla situazione di guida prevalente 500 volte al secondo ovvero 30.000 volte al minuto. Chi guida può inoltre memorizzare le preferenze personali delle caratteristiche dello sterzo, della risposta dell´acceleratore e degli ammortizzatori grazie al tasto `Sport´. Il software Drive Mode Control apprende inoltre lo stile di guida personale, per una vettura "cucita" addosso al conducente.


Insignia è stata testata a lungo sui 21 kilometri del Nürburgring, il famoso "Inferno Verde", dal team capitanato dall'ingegner Andreas Zipser per ottenere un veicolo perfettamente bilanciato e sicuro, con un posto di guida più basso di 3 cm che permette di "sentire" la vettura molto meglio.

Merito anche del nuovo sterzo, più preciso e con servoassistenza dipendente dalla velocità, dalla console centrale con tutti i comandi necessari rivolti verso il guidatore-pilota e dalla taratura dell'ESP che interviene più tardi (in pista) per lasciare maggior libertà a chi guida.

Come sappiamo, la nuova Insignia Grand Sport debutterà a marzo al Salone di Ginevra.

Cerchi lo schermo con la maggiore risoluzione e supporto 4K?? Sony Xperia XZ Premium, in offerta oggi da Tiger Shop a 496 euro oppure da Amazon a 611 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve

Auto

Porsche 718 Boxster e Cayman: finalmente anche GTS