Renault Megane Sporter: prova su strada della station francese | HDtest

20 Ottobre 2016 0

Se in passato le station wagon erano la scelta obbligata per chi cercava spazio a bordo, nel corso del tempo la moda si è spostata verso monovolume prima e SUV poi. Chi cerca un'auto bassa, filante e sportiva, però, può ancora trovare ottime alternative, come la nuova Megane Sporter.

Provata tra Bari e Matera, Renault Megane Sporter è la wagon di segmento C che si rinnova a partire dalla piattaforma ma senza dimenticarsi di design, un elemento importante per questo progetto, e tecnologia. Le forme, infatti, sono filanti, appuntite ma eleganti e moderne: il progetto uniforma lo stile all'interno della gamma e propone una station dal look sportivo con tocchi di classe come la nuova firma luminosa LED per anteriore e posteriore.


Saliti a bordo ritroviamo la qualità della berlina che ha prestato la sezione anteriore dell'abitacolo: plastiche morbide e materiali "soft touch" nobilitano questa segmento C che sfoggia anche la strumentazione mista analogico digitale, dominata dal display centrale in grado di cambiare grafica a seconda della modalità. La plancia è pulita e ordinata ed il merito è del sistema di infotainment con ampio display touch da 7 pollici d R-Link 2 che permette di eliminare molti tasti e gestire tutto tramite interfaccia digitale. Qui, oltre al navigatore e all'infotainment, troviamo anche le sezioni di controllo delle funzionalità del veicolo, tra cui le modalità di guida richiamabili rapidamente, per una maggior comodità, anche tramite selettore sul tunnel centrale.

Il comfort c'è tutto: comandi a portata di mano senza distrazioni e sedili avvolgenti che sostengono bene e non fanno pesare poi così tanto quel leggero rollio dovuto all'assetto morbido di un'auto nata più per assorbire le buche che per darci prestazioni estreme in curva. A livello di prestazioni, comunque, la carreggiata maggiorata rispetto alla vecchia generazione e l'assetto ribassato permettono un salto di qualità nella dinamica di guida, complice uno sterzo preciso che aiuta negli inserimenti in curva. Le considerazioni finali andranno relegate alla prova completa ma, nel breve tempo a disposizione, Megane Sporter si è dimostrata un'auto bilanciata tra prestazioni e comfort, specie sulle strade non proprio perfette che abbiamo trovato durante il breve test drive.


Le motorizzazioni provate sono solo diesel: Renault punta molto sul dCi da 110 cavalli e 1.5 litri, unità che, nell'allestimento Intens, sarà la più venduta secondo le previsioni. Ben noto a chi scrive, tale motore risulta molto equilibrato per quanto riguarda prestazioni e consumi, restituendo una media nel misto, incluse varie tratte cittadine, di più di 20 chilometri con un litro. Certo, la massa dell'auto costringe a qualche piccolo sacrificio e a una marcia in meno durante le salite più difficili ma niente di estremo per chi viaggia da solo o per una coppia con bagagli. Diverso il discorso per le famiglie numerose: qui, infatti, il dCi 110 potrebbe soffrire di più nonostante la coppia generosa. In questo caso l'equilibrio perfetto è rappresentato dal dCi 130 da 1.6 litri.

Per entrambe le unità c'è la gestione elettronica del Multi-Sense. Il programma non si limita solo al motore ma va a gestire anche sound, climatizzazione, luce ambientale e tipologia di massaggio se presente, oltre alla già citata interfaccia della strumentazione. Per la dinamica di guida, invece, l'intervento riguarda risposta del motore, reattività del cambio EDV, risposta dello sterzo e del sistema 4Control se presente (le quattro ruote sterzanti). In questo caso, ad esempio, in modalità sport le ruote posteriori sterzano nella direzione opposta fino agli 80 km/h (rispetto ai 60 km/h della modalità normale).


Cresce lo spazio a bordo: l'aumento delle dimensioni e del passo ha consentito di migliorare la qualità di vita di chi viaggia dietro. 2.712 mm di passo e una gestione intelligente dell'abitacolo restituiscono fino a 216 millimetri di spazio per le ginocchia dei passeggeri posteriori. Il bagagliaio offre poi 580 litri di spazio intelligente perché sono presenti le tasche laterali per gli oggetti più piccoli ma anche il divisorio centrale che taglia in due il pianale di carico e, abbattendo i sedili con un tasto, si arriva fino a 1.695 litri.

Megane Sporter costa 27.100EUR nell'allestimento Intens con motore dCi 110 EDC corredato dal cambio automatico a doppia frizione, davvero ottimo nella gestione perché - inquadrandolo nel segmento di questa wagon - risulta efficace nelle cambiate rapide in modalità sportiva ma anche poco invadente in quelle più tranquille della modalità comfort, permettendo quindi di scegliere tra i diversi modi di godersi questa station. Il dCi 130 si affianca solamente al manuale e costa 26.750EUR nell'allestimento Intens e 28.550EUR in quello Bose. Infine, per chi vuole più tecnologia, la Sporter dCi 110 EDC in allestimento Bose costa 28.900EUR.

Megane Sporter Intens

Ottimo allestimento per quanto riguarda la dotazione, Intens include il clima automatico bi-zona, keyless, divisorio per bagagliaio, R Link 2 con display da 7 pollici, navigatore e 2 prese USB, Multi-Sense con Ambient Lighting, retrovisori elettronici, riconoscimento segnaletica stradale, sedili in tessuto e velluto, sensori di parcheggio posteriore e monitoraggio della corsia.

Megane Sporter Bose

La Bose prende il nome dall'impianto audio, il Bose Sound System proposto di serie. In realtà, però, la dotazione si arricchisce anche di cerchi in lega neri diamantati da 17 pollici, freno di stazionamento elettronico, impianto Full LED, vetri oscurati, schermo dell'R Link2 maggiorato (8.7 pollici), retrovisore fotocromatico, sedile conducente con massaggio, selleria in tessuto e ecopelle, sensori anteriori e volante in pelle Nappa.

Restano optional l'head-up display (350EUR, disponibile solo per Intens e Bose), il tetto panoramico apribile (800EUR, solo per Bose), sedili anteriori riscaldabili (300EUR, solo per Bose) e i cerchi in lega da 18 pollici Grand Tour, esclusivi dell'allestimento Bose.


Megane Sporter Life e Zen

Già dall'allestimento d'ingresso, il Life, Sporter propone ABS, alzacristalli elettrici anteriori, cerchi in acciaio da 16", clima manuale, cruise control, assistenza alla partenza in salita, luci diurne a LED, radio con display da 4.2 pollici e USB, retrovisori regolabili elettricamente, ESC, ABS, ESP, Stop&Start e sedile conducente regolabile in altezza.

Zen aggiunge fari e tergicristalli automatici, vetri elettrici posteriori, barre da tetto in alluminio, cerchi in lega da 16 pollici, fendinebbia, luci diurne a LED "Edge Light C-Shape", strumentazione con display 3D Color Matrix, più regolazioni per il sedile conducente e il volante in pelle.

Punto d'ingresso nella gamma è la Life con il benzina TCe 100 da 19.900EUR mentre la top di gamma è la Megane Sporter GT, disponibile a 31.400EUR con il TCe 205 EDC e a 33.800EUR con il dCi 165 EDC.

Il top gamma di piccole dimensioni per eccellenza. la scelta obbligata per un Android tascabile? Sony Xperia XZ1 Compact, compralo al miglior prezzo da Media World a 499 euro.
Apple Iphone 8 Plus 256gb Grigio Siderale Space Grey è disponibile da puntocomshop.it a 899 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tesla

Tesla Model S 100 D | Prova su strada e Focus Tecnologia

Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve