Infiniti Q30, compatta premium alla giapponese | HDtest

07 Ottobre 2016 0


Le Infiniti si sono sempre fatte notare per il design, la qualità ed in generale la capacità di distinguersi dal resto della concorrenza. Del resto anche adesso, quando si va in giro con un'auto del brand premium giapponese qualche sguardo incuriosito lo si attira. Questo è uno degli aspetti più importanti che spingerà i clienti a sceglierla al posto di Mercedes Classe A (con cui condivide pianale e altri elementi), Audi A3 e BMW Serie 1. In realtà - lo diciamo subito - sotto ad una carrozzeria scavata, appuntita e cesellata nei punti giusti c'è ben di più.

Oltre l'estetica c'è di più

A cominciare da interni molto curati ed eleganti che mostrano un'attenzione al dettaglio non offerta dalle altre auto di pari segmento. L'allestimento della nostra prova si chiama Premium Tech ed è il più ricco ed include molti accessori tra cui il tetto rivestito in tessuto Dinamica (ad effetto scamosciato), volante e plancia in pelle, sedili regolabili elettricamente e riscaldabili. Presenti anche equipaggiamenti tecnologici che fa sempre piacere vedere di serie negli allestimenti offerti a listino: avviso anticollisione anteriore, avviso allontanamento della corsia di marcia, specchietto retrovisore anti-abbagliamento, comandi vocali, clima bizona, telecamera posteriore con sensori anteriori e posteriori per il parcheggio e display e radio Bluetooth 7" touch screen solo per citarne qualcuno. Proprio l'abitacolo di Infiniti Q30 mostra alcuni elementi che chiameranno subito alla mente modelli Mercedes. Il sistema di infotainment invece si chiama Infiniti InTouch e si può controllare tramite i comandi vocali (non sempre precisi), le dita ed il piccolo rotore al centro della plancia (utile per l'uso in marcia).

Motori e cambi

All'inizio abbiamo sottolineato l'estetica come un aspetto fondamentale di questa auto ma in realtà ciò che aiuterà il marchio a vendere di più è nascosto alla vista e si trova nel vano motore. Questo esemplare è dotato del 2.2 turbodiesel da 177 CV e 350 Nm di coppia - disponibile già a 1.400 giri - ed insieme all'altro diesel, il 1.5 da 109 CV, sarà il più interessante della gamma e rimette in gioco i modelli Infiniti, finora penalizzati da una gamma motori poco in linea con le necessità dei clienti europei. Dal punto di vista di come si comporta nell'utilizzo giornaliero è un motore che si sfrutta molto per la coppia generosa sempre disponibile e che ha un bel tiro fino a 4.000 giri, quota che raggiunge senza ruvidità eccessive. Come sulle Mercedes anche qui non stiamo parlando di un campione di silenziosità, perché anche a bassi regimi la sua "voce" filtra nell'abitacolo in modo un po' fastidioso. Infiniti ci ha messo una pezza con il sistema Active Noise Cancellation che genera onde sonore contrarie a quelle del propulsore tramite il sistema audio per limitare l'invasività dello stesso, ma qualche rumore di troppo c'è.

Listino competitivo

Il listino parte da circa 25 mila euro per la 1.6 benzina da 122 CV; 500 euro in più sono necessari per la versione 1.5 diesel; per il 2.2 servono almeno 31 mila euro abbinato sempre al cambio automatico doppia frizione DCT. Il prezzo sale fino al top di gamma 2.0 benzina con trazione integrale a 42.200 euro. Come allestimento consigliamo di non scendere sotto il Premium o Premium Tech se volete fare il passo in più - di media la differenza di prezzo è di circa 4.500 euro tra i due. Tra gli accessori irrinunciabili il tetto in vetro panoramico che costa 650 euro. Il motore che consigliamo è il 1.5 diesel da 109 CV per prezzo inferiore di acquisto e manutenzione nonché consumi ridotti, a cui è abbinabile il DCT o il cambio manuale ma non la trazione integrale.

Il sogno di molti risparmiando? Apple iPhone X è in offerta oggi su a 800 euro oppure da ePrice a 898 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini