Toyota C-HR al Salone di Parigi 2016 | VIDEO ANTEPRIMA

29 Settembre 2016 0

Il nuovo crossover compatto di Toyota ha la peculiarità della propulsione ibrida (tra le altre scelte) e un design di rottura rispetto al passato. Fuori lo stile è inequivocabilmente audace, anche se il posteriore ricorda un po' troppo le ultime Honda.


Il nuovo CH-R vuole rompere gli schermi del design tradizionale, introducendo elementi scenografici audaci in un segmento - quello dei crossover compatti - dove con la Urban Cruiser il costruttore giapponese aveva toppato.

Ma il passato è passato, e il design del nuovo CH-R è caratterizzato da linee che ricordano un diamante, con un dinamismo mai visto prima nel mercato dei crossover, nel quale le linee superiori tipiche di un Coupè si integrano perfettamente con quelle inferiori tipiche di un SUV.

Le dimensioni, a metà strada tra il segmento B e il C  - lungo 4,36m, largo 1,79m, alto 1,55m e con un passo di 2,64m - consentono al nuovo crossover di Toyota di accaparrarsi una larga fetta di clienti nel segmento più ambito del mercato europeo, senza dimenticare le ambizioni "premium" di Toyota che, con questo modello, punta in alto.

Merito anche della tecnologia per la sicurezza attiva che, attraverso il Toyota Safety Sense Plus, ingloba (di serie) il sistema il sistema Pre-collisione, l´Avviso di Superamento Corsia, il Riconoscimento della Segnaletica Stradale e il sistema di Abbaglianti Automatici, oltre alla funzione di Rilevamento Pedoni e al Cruise Control adattivo. Una vettura realizzata sulla nuova piattaforma TNGA (ereditata dalla Prius) con sospensioni posteriori multilink.

Il nuovo C-HR sarà offerto in 3 allestimenti: Active, Style, Lounge a cui si aggiunge la versione Business, dedicata al cliente flotte. Tutte le versioni offriranno cerchi in lega da 17", clima Bi-Zona, volante in pelle, fari Bi-alogeni, retrovisori riscaldabili, telecamera posteriore, assistenza alla partenza in salita (HAC), 9 airbag, controllo della Trazione, sistema di Monitoraggio pressione pneumatici.

Due le motorizzazioni previste sul mercato italiano: la versione Full Hybrid (che rappresenterà il 90% delle vendite in Italia di CH-R) con il 1.8 da 122 CV derivato in tutto e per tutto dalla Prius (con consumi pari a 3,8 litri per percorrere 100 km ed emissioni di CO2 di 86 g/km).

Per gli affezionati delle propulsioni tradizionali, C-HR sarà disponibile anche con il 1.2 turbo benzina da 116 CV e 185 Nm di coppia, che consuma 5,9 litri per 100 km emettendo 134 g/km di anidride carbonica. Il motore è abbinato a un automatico a variazione continua disponibile con trazione anteriore e integrale.

Anche gli interni rappresentano un grande passo avanti rispetto alla semplice frugalità a cui ci hanno abituato le Toyota: Qui siamo vicini al mercato "premium", ed è forse questo che interessa maggiormente i vertici di Toyota.

Infine, i prezzi: il nuovo C-HR si potràprenotare a partire dal 1 Ottobre in tutte le concessionarie Toyota, con un anticipo di 6.250EUR e con 47 rate mensili di soli 250EUR a prescindere da motorizzazione, versione e allestimento scelti. La formula "Pay per Drive" con il contenuto sopra descritto è possibile grazie ad un´offerta di pre-lancio valida fino al 31 dicembre 2016 e che garantisce un beneficio cliente di oltre 4.000 Euro sulle versioni Hybrid.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO

Audi

Audi Q5 40 TDI quattro 190 CV: recensione e prova su strada