BMW Serie 5 inaugura un nuovo modellatore 3D

28 Luglio 2016 0


BMW si dota di una delle tecnologie di modellazione 3D più avanzate in campo automobilistico e, per l'occasione, ci mostra alcune foto "spia" ufficiali della settima generazione della Serie 5.

BMW si prepara al lancio della settima generazione della berlina di segmento E più sportiva in circolazione: la nuova Serie 5 debutterà infatti al prossimo Salone di Parigi e porterà in dote un'autentica anteprima nel mondo automotive. Il nuovo modello di BMW sarà infatti il primo a nascere grazie ad una nuova strumentazione ultra tecnologica di modellazione 3D, completamente automatica e dotata di misurazione ottica della realtà.

Uno scanner ottico


Si tratta della prima volta che una casa automobilistica utilizza un sistema di scansione e modellazione ottico, in grado di realizzare il modello digitale di una vettura con una precisione inferiore ai 100 micrometri. Il sistema, installato nello stabilimento di Monaco di Baviera, è costituito da un robot dotato di bracci, che utilizzano una serie di sensori ottici per creare un'immagine tridimensionale del veicolo, generando un modello 3D dai dettagli pressoché identici a quelli del modello reale.

Questa tecnologia diviene estremamente utile, per esempio, quando si devono cercare difetti non visibili ad occhio nudo che però potrebbero compromettere la qualità e la sicurezza del modello. Il nuovo sistema 3D si configura quindi come un'interfaccia tra lo sviluppo e la produzione in serie.

Meno sprechi di tempo e più precisione

Eduard Obst, capo del reparto Geometric Analysis, Measuring Technology e Cubing dei Veicoli di BMW, spiega quali sono i vantaggi per la nuova Serie 5 - di cui la casa ha diramato alcune foto spia proprio durante la scansione sotto i bracci del sistema:

Siamo orgogliosi di aver raggiunto questo primato nella preproduzione attraverso la misurazione ottica. Una singola misurazione consente di generare un modello 3D del veicolo, facendo risparmiare tempo e migliorando la qualità del veicolo all'avvio della produzione in serie. Un braccio meccanico montato su binari in senso longitudinale e trasversale si muove liberamente seguendo la linea della vettura. Rispetto ai processi precedenti (nei quali un robot singolo scansionava un lato dell'auto per volta), le misurazioni ora impiegano solamente la metà del tempoe consentono di completare i test nell'arco di pochi giorni.

Questo "scanner" è solo il primo di una serie di progetti che fanno parte dell'ampio programma di digitalizzazione di BMW, in linea con lo spirito NEXT100.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Audi

Audi Q2: recensione e prova su strada | HDtest

Hyundai

Hyundai IONIQ Electric: Live Batteria in extra-urbano

Volkswagen

Auto elettriche 2018: i modelli in commercio in Italia, prezzi e autonomia

È il navigatore l'optional più richiesto dagli automobilisti italiani