Land Rover Discovery: si avvicina il debutto

20 Luglio 2016 0


La quarta generazione del popolare fuoristrada inglese si spoglia quasi del tutto delle camuffature, rivelando un design fedelissimo a quello del concept Discovery Vision del 2014, ma anche tante novità meccaniche e tecnologiche.

Discovery, capostipite di una famiglia di modelli pensati per essere un perfetto anello di congiunzione tra il lusso delle più raffinate Range Rover e le doti off-road della mitica Defender, si prepara per il debutto in società nella sua quarta generazione, con una serie di novità estetiche, tecniche e tecnologiche di prim'ordine.

L'ultima foto spia apparsa sul web della prossima generazione di Land Rover Discovery conferma l'estrema somiglianza con il prototipo Discovery Vision (nella foto qui sotto), presentato al Salone di New York nel 2014: le proporzioni sono quelle classiche delle passate generazioni di Discovery, caratterizzate da cofano lungo e alto, altezza e lunghezza notevoli rispetto alla larghezza, tetto che sale verso il posteriore per garantire spazio alla terza fila di sedili.


Il tutto viene però unito ad un'estrema raffinatezza delle linee, con forme solide, superfici levigate, dettagli premium come gli scenografici fari anteriori e posteriori full-LED. Insomma, una vettura elegante, raffinata ma pronta, allo stesso tempo, a sporcarsi di fango.

Già, perché una delle novità della nuova generazione di Discovery sarà la grande capacità in off-road, grazie alle più recenti tecnologie messe a disposizione dal marchio inglese: prima tra tutte il cofano "trasparente" (brevetto di Land Rover che, grazie ad una serie di telecamere, proietta sul parabrezza le immagini di quello che c'è sotto il cofano), poi l'ultima generazione del Terrain Response (il sistema intelligente che gestisce tutti i parametri della guida in fuoritrada), oltre ad un'anticipazione dei più recenti sistemi di guida semi-autonoma in off-road.


Secondo rumors consistenti, inoltre, ci sarà una variante ancora più specialistica, sviluppata dalla divisione speciale SVO e denominata, con buone probabilità, SVX.

Ma la vera novità di Discovery sarà la realizzazione tecnica: addio al precedente telaio di impostazione prettamente fuoristradistica, benvenuto alla piattaforma modulare delle cugine Jaguar, molto più leggera grazie ad un ampio uso di alluminio. Alluminio che troveremo anche nei motori della famiglia Ingenium, da 2 a 3 litri, benzina e turbodiesel.

Dentro l'abitacolo sarà ancora più spazioso e ricco rispetto all'attuale, grazie all'introduzione di un sistema di infotainment all'ultimo grido (lo stesso InControl Touch Pro che troviamo sui più recenti modelli del gruppo JLR), materiali nobili come legno e pelle.

Attesa al debutto entro la fine dell'anno (probabile un'anteprima al Salone di Parigi), il nuovo Discovery sarà commercializzato a partire dal prossimo anno.

Il vero top gamma Nokia? Nokia 8 è in offerta oggi su a 204 euro oppure da Amazon a 340 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini