Mazda3: restyling conservativo per la compatta

14 Luglio 2016 0


Il restyling della terza generazione di Mazda3, sul mercato dal 2014, è stato presentato in Giappone e arriverà da noi entro la fine dell'anno corrente. Piccoli ritocchi estetici accompagnano nuovi contenuti tecnici.

In Giappone si chiama Axela, ma da noi è conosciuta come Mazda3, ma la sostanza non cambia: dopo nemmeno 3 anni dal lancio nel 2014, ecco che la casa giapponese ha introdotto un leggero facelift della propria berlina di segmento C, offerta sia come hatchback sia come sedan a 4 porte.

Esteticamente la nuova Mazda3 si caratterizza per i nuovi fari anteriori, ora dotati della tecnologia full-LED in grado di adattare il fascio luminoso in maniera automatica alle condizioni stradali, evitando di abbagliare i veicoli che si seguono o che sopraggiungono.


Il paraurti anteriore è stato ridisegnato, con una presa d'aria inferiore di dimensioni maggiori, una griglia con trama più fitta e un inserto cromato meno appariscente, nuovi alloggiamenti cromati per i fari fendinebbia/indicatori di posizione. Impercettibili le novità al posteriore, se si esclude un nuovo paraurti caratterizzato dall'assenza del vistoso inserto in plastica grezza della precedente versione.


Dentro le modifiche si limitano ad un volante dal nuovo disegno (in linea con quello di MX-5), nuovi inserti a effetto metallo su plancia e pannelli porta e, in opzione sulle versioni più accessoriate, freno a mano elettronico. Da segnalare anche un miglioramento dell'head up display, ora con informazioni più chiare grazie alla divisione in due livelli e alla grafica a colori, con un miglior contrasto e una risoluzione più elevata.


Tecnicamente, la nuova Mazda3 porta al debutto l'avanzato G-Vectoring Control, l'interessante sistema brevettato che, modulando la coppia erogata, cerca di restituire al conducente e ai passeggeri un comfort e una dinamica di guida senza precedenti. Piccoli aggiornamenti anche per i dispositivi di sicurezza: l'Advanced Smart City Brake ora è dotato di una telecamera anteriore che sostituisce i precedenti sensori a infrarossi. In questo caso ora è in grado di riconoscere pedoni, veicoli e operare a velocità che vanno dai 4 agli 80 km/h. Restano invariate le motorizzazioni disponibili, che comprendono quindi il 1.5 SKYACTIV-G a benzina da 101 CV, il 2.0 SKYACTIV-G benzina da 165 CV, il 1.5 SKYACTIV-D turbodiesel da 105 CV e il 2.2 SKYACTIV-D sempre turbodiesel da 150 CV.
Tre fotocamere per il massimo divertimento e un hardware eccellente? Huawei Mate 20 Pro, in offerta oggi da Tecnotradeshop a 794 euro oppure da ePrice a 999 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
HDBlog.it

TIM e 5G: ho provato la prima auto elettrica guidata in remoto!

Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video