CAR: feminine noun | Il car design spiegato dalle donne di Audi

24 Giugno 2016 0


La settima edizione del Master TAD (Transportation and Automotive Design) organizzato dalla Scuola del Design del Politecnico di Milano in collaborazione con il gruppo Volkswagen è l'occasione per scoprire il punto di vista femminile nel Car Design, spiegato da tre donne designer di Audi.

Automobile: sostantivo femminile. Un settore storicamente maschile, a cui però il ruolo della donna si è ritagliato un posto sempre maggiore. Specialmente riferendoci al Car Design, dove le studenti donne sono spesso superiori al 50%, una percentuale che però difficilmente si ritrova nel mondo del lavoro a livello occupazionale, come riferisce il professor Fausto Brevi, docente (tra le altre cose) di modellazione digitale al Politecnico di Milano e direttore del Master.


Il TAD fa parte del sistema Design del Politecnico di Milano (basato su Dipartimento di Design, Scuola del Design, Consorzio POLI.Design) ed è ora giunto alla sua settima edizione, forte di una collaborazione con il gruppo Volkswagen (inizialmente anche con Fiat e Alfa Romeo) che ogni anno mette a disposizione le proprie competenze e la propria consulenza, oltre a proporre il brief di progetto e il brand per il quale i giovani designer dovranno progettare il proprio veicolo.

In questo caso i brand sono Audi e Volkswagen e il tema - non poteva essere altrimenti - l'auto a guida autonoma: il tema consente di poter interpretare gli spazi interni in una maniera assolutamente nuova per il car design "tradizionale", oltre a includere utenti che, in condizioni "normali", non sarebbero in grado di guidare un'automobile.

Dopo una breve disamina dell'ingegnere Paolo Massai sull'importanza dello stile nel progetto dell'automobile (sempre quando lo stile raggiunge la massima integrazione con tutte le parti tecniche dell'automobile, dunque con sospensioni, power unit e aerodinamica), è il turno delle vere protagoniste del car design.

Si chiama Ann Catherine Lang, che dal 2014 lavora nel centro stile Audi come responsabile dell'Industrial Design al centro stile di Monaco. Il punto di vista femminile, secondo Lang, nella progettazione di un'auto è fondamentale nella fase di concept: le sensazioni, visive, uditive e tattili create dagli abbinamenti cromatici, dai materiali impiegati, l'attenzione al dettaglio e l'emozionalità che un'automobile possono restituire si basa sul lavoro certosino di figure professionali come lei, che ha un passato nel fashion design (tra le aziende con cui ha collaborato c'è infatti H&M). Un lavoro che, considerando la cura maniacale del dettaglio per cui la casa di Ingolstadt è famosa in tutto il mondo, è ricco di sfide e soddisfazioni.


Tra le particolarità del lavoro di Lang vi è la collaborazione con aziende che portano avanti la stessa filosofia costruttiva di Audi, come l'azienda tedesca Leica, specializzata nella progettazione di fotocamere e ottiche da osservazione.

A proposito di guida autonoma, in cui Audi è oggi profondamente impegnata, Lang sostiene che le vetture autonome siano una enorme sfida perché si tratterà di attuare un approccio di "rivoluzione" piuttosto che "evoluzione" come accade oggi.

Seulah Park è la seconda designer di Audi intervenuta al seminario: di origine sud coreana, ha iniziato a lavorare con Nissan, GM Korea e Volkswagen e dal 2012 è attiva presso il Centro Stile Audi  per l'Exterior Design. Interessata da sempre all'arte, ha avuto la fortuna di avere un fratello maggiore appassionato alla parte tecnica delle auto, che l'ha spinta a integrare la sua passione per l'estetica con la cultura della funzione.


In un mondo dominato dagli uomini, quale può essere il contributo del genere femminile al car design? La risposta di Seulah è quella di sapere intercettare i "core values" del Brand, nel catturare le ispirazioni provenienti dalla tecnologia, dall'arte e dal mondo del design per poterli integrare con le esigenze delle auto, nel riuscire a comunicare con centinaia di sketch le proprie idee al mondo e a condividerle con gli altri membri del team. Anche se la giovane designer ammette (ridendo) che in Audi l'attenzione al dettaglio è una connotazione che identifica - senza discriminazioni - sia gli uomini che le donne. Una dichiarazione che non ci sorprende.

Park ha poi dedicato una piccola parte del suo intervento alle fasi salienti del suo lavoro come Exterior Designer: sketch a volontà, realizzazione del modello 3D con modellatori CAD o di superfici, creazione del modello in creta e infine l'ingegnerizzazione del progetto.


La designer si è anche lasciata sfuggire di essere al lavoro su un SUV sportivo, in arrivo entro la fine del 2016: che si tratti del nuovo Audi SQ5?

Conclude l'intervento Rosalie Schrader, specializzata in Colour & Trim al Centro Stile di Ingolstadt, in particolare per la divisione S ed RS (quella divisione conosciuta come Audi Sport). Figlia di un car designer specializzato nella realizzazione di clay modeling e di una textile designer, respira car design fin da piccola. La sua passione per i colori e i materiali l'ha portata a specializzarsi nella ricerca delle perfette combinazioni di materiali e tonalità in grado di restituire determinate sensazioni - ed emozioni nel cliente finale ("evocare emozioni e muovere i sensi"). Il tutto - ricorda Rosalie -  deve essere integrato con le pressoché infinite possibilità di personalizzazione che un'Audi deve poter garantire ai clienti. Il che vuol dire, spesso, numerosi compromessi ma anche tante sfide.


Rosalie infine ha invitato gli studenti presenti a focalizzarsi su quello che oggi è considerato uno dei principali motivi di acquisto di un'automobile: gli interni. L'abitacolo di una vettura - che sia infotainment, finiture, colori, scelta dei materiali, spazio interno è considerato l'interfaccia tra l'uomo e la macchina, specialmente nei prossimi anni con l'avvento della guida autonoma.

La mattinata si è conclusa poi con la presentazione dei progetti degli studenti, frutto di oltre 15 mesi di lavoro. HDmotori.it si congratula con i designer di domani: chissà che un giorno non ci troveremo a commentare insieme il lavoro di questi ragazzi con tanta voglia di fare!

Il top gamma di piccole dimensioni per eccellenza. la scelta obbligata per un Android tascabile? Sony Xperia XZ1 Compact è in offerta oggi su a 427 euro.
Apple Iphone 8 Plus 256gb Grigio Siderale Space Grey è disponibile da puntocomshop.it a 899 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Tesla

Tesla Model S 100 D | Prova su strada e Focus Tecnologia

Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve