Il futuro di Mercedes? Sempre più "digitale"

12 Maggio 2016 0


Mercedes-Benz vuole rimanere tra i leader di un mercato dell'auto sempre più orientato alla digitalizzazione di ogni aspetto delle vetture. Ecco gli obiettivi del marchio della stella a tre punte.

Tutto il mondo sta vivendo una sorta di digitalizzazione: ordinare online una pizza, un vestito, un telefono ormai è un'abitudine, pagare con bancomat o carte è sempre più agevole e via dicendo. Anche le case automobilistiche si stanno dando da fare per digitalizzare il più possibile qualcosa di "fisico" come l'auto.

Mercedes-Benz, dal canto suo, non vuole rimanere indietro, annunciando una ventata di digitalizzazione che investirà progressivamente gran parte delle proprie attività. Ola Källenius, responsabile vendite di Mercedes-Benz, in un'intervista con Autocar, ha fatto notare come si stia evolvendo rapidamente il settore:

Quasi tutti i settori dell'industria si stanno convertendo al digitale, per questo noi non possiamo rimanere indifferenti. Un esempio lampante è il CES di Las Vegas: qualche anno fa nessuno si sarebbe aspettato di vederci delle auto. Oggi invece è pieno di Case automobilistiche, ed anche le aziende tecnologiche presentano la loro idea di automobile. Nei prossimi 10 anni assisteremo ad uno sviluppo incredibile di questo settore.


Per mantenere la sua posizione di leadership sul mercato auto, Mercedes-Benz ha dunque creato il portale Mercedes Me, che consiste in un sito internet e un'app progettati per rendere più facili per il cliente alcune operazioni che, in passato, venivano svolte fisicamente: tra questi, le prenotazioni degli appuntamenti in officina, la configurazione della propria Mercedes preferita e addirittura la possibiltà di ordinarla senza recarsi in concessionaria.

Un ecosistema che rende più semplice e immediato il rapporto di collaborazione tra Mercedes e i suoi clienti. Il Mercedes Me sarà poi parte fondamentale della vita dell'auto, rendendola sempre connessa alla rete ma anche con le altre vetture e infrastrutture, fungendo da base per un futuro dove la connettività sarà il fondamento della guida autonoma. Necessario per questo scopo sarà il potenziamento della ricezione delle vetture tramite rete 4G e, tra pochi anni, 5G.


Il sistema Mercedes Me si propone, inoltre, di assistere il cliente anche durante l'uso della vettura, un po' come fa Louis Vuitton con i propri costumer: il paragone di Källenius riguarda la possibilità dei clienti Luois Vuitton di avere sempre a disposizione un personal shopper "a distanza".

Källenius tende a sottolineare che, trattandosi di un marchio premium, dove l'auto va soprattutto toccata con mano e provata per poterne apprezzare le qualità, la digitalizzazione non sostituirà il piacere di una chiacchierata con il venditore a bordo di una vettura "fisica".


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Bmw

BMW X4: prova in anteprima del SUV Coupè connesso, tecnologico e divertente

Mercedes benz

Mercedes e Enel: smart EQ fortwo tra geotermico e idroelettrico | SPECIALE

Suzuki

Suzuki Jimny 2018: recensione e prova in fuoristrada | Video

Jaguar

Jaguar I-PACE: Live Batteria "mari e monti" | Milano - Bolzano - Rimini