Volkswagen: le perdite in seguito al dieselgate

25 Aprile 2016 0


Le conseguenze del dieselgate si fanno sentire per Volkswagen: il produttore ha pubblicato il report preliminare sulla situazione finanziaria relativa all'anno 2015, un anno funestato dai costi sostenuti per recuperare dallo scandalo sulle emissioni alterate tramite l'ormai noto software installato nella centralina dei vecchi diesel antecedenti ai modelli Euro 6.

La perdita netta riportata nel rapporto è di ben 1.5 miliardi di dollari, un calo massiccio se consideriamo che l'anno fiscale 2014 si era chiuso - per il produttore - con un profitto netto di 12.4 miliardi. La causa è da ricercarsi nei 18.2 miliardi di dollari allocati dal produttore per coprire, in anticipo, i costi legati alle campagne di richiamo avviate in tutto il mondo, le multe e le spese legali. Scopriremo il 28 aprile i dettagli con l'arrivo del rapporto definitivo che toglierà i dubbi di questa versione preliminare. Ad ogni modo Volkswagen ha dichiarato che, se non fosse per le conseguenze del dieselgate, avrebbe riportato un altro anno di successo.

Questa la dichiarazione del CEO Matthias Muller, dichiarazione confermata dai dati. Il produttore, infatti, ha riportato un ricavo dalle vendite di 239.5 miliardi e un profitto operativo di 14.4 miliardi. Purtroppo le spese per il dieselgate hanno portato il risultato finale in rosso, specie considerando che i costi da affrontare si sono rivelati più che raddoppiati rispetto ai 7.6 miliardi inizialmente previsti  nel settembre 2015.

Ad aggiungere benzina sul fuoco, inoltre, arrivano gli analisti che ipotizzano una cifra superiore agli attuali 18 miliardi...


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Audi

Audi Q2: recensione e prova su strada | HDtest

Hyundai

Hyundai IONIQ Electric: Live Batteria in extra-urbano

Volkswagen

Auto elettriche 2018: i modelli in commercio in Italia, prezzi e autonomia

È il navigatore l'optional più richiesto dagli automobilisti italiani