Alfa Romeo Stelvio: nuovi dettagli dalle foto spia

08 Aprile 2016 0


Un muletto del primo, attesissimo SUV di Alfa Romeo è stato sorpreso per la prima volta con la carrozzeria definitiva: sebbene le camuffature siano ancora pesanti è possibile scorgere alcuni dettagli e, soprattutto, le proporzioni generali della vettura.

Se c'è una macchina che, almeno in Italia, è capace di generare un hype pari - se  non superiore - a quello per la Tesla Model 3, quella è sicuramente la Alfa Romeo Giulia. Presentata a giugno 2015, dopo anni e anni di rumors e dopo un countdown che sembrava non finire mai, con incertezze e completo riserbo fino alle ultimissime ore prima della presentazione, la nuova berlina premium di segmento D sta finalmente per arrivare sul mercato, dopo una gestazione davvero lunga.

Dunque è lecito aspettarsi un simile fermento anche per il primo crossover del Marchio del Biscione, confermato dalla casa per il debutto entro la fine del 2016. Come (troppo) spesso accade in Alfa Romeo, però, è possibile che inconvenienti dell'ultimo minuto ritardino la presentazione. In ogni caso, entro il Salone di Detroit 2017 (ma noi speriamo nel Salone di Los Angeles di novembre e, ancora meglio nel Salone di Parigi di ottobre) dovremmo finalmente vedere almeno in foto quello che quasi sicuramente si chiamerà Alfa Romeo Stelvio.


Oggi emergono per la prima volta delle foto spia, pubblicate da Autoblog.com, che ritraggono un muletto del futuro SUV con carrozzeria definitiva e camuffature pesanti che, però, lasciano intravedere molti dettagli che ci permettono di fare alcune prime considerazioni sul design della vettura.

Innanzitutto, il frontale: l'impostazione sembra ricalcare quella della neonata Giulia, con il classico trilobo Alfa Romeo con griglia a nido d'ape, i gruppi ottici a sviluppo orizzontale (che, almeno in questo muletto, non sembrano essere dotati della tecnologia LED per gli anabbaglianti), e un cofano lungo.


Nella vista laterale non possiamo che apprezzare dei passaruota imponenti, un parabrezza inclinato e una superficie vetrata di dimensioni ridotte. Unico dubbio riguarda l'andamento dei vetri dopo il montante C: non è chiaro se ci sarà un terzo vetro laterale oppure il giro porta concluderà (verosimilmente in modo analogo a quello della Giulia) la superficie vetrata. Allo stesso modo, le camuffature consistenti al posteriore ci impediscono di dare qualsiasi giudizio all'estetica.


In generale possiamo affermare che il nuovo Stelvio sarà un SUV di carattere sportivo: aspettiamoci dunque una silhouette atletica, un corpo vettura non troppo alto da terra, e una dinamica di guida che sarà il più possibile vicina a quella della Giulia.

Anche i motori dovrebbero ricalcare quelli della berlina: a 4 o 6 cilindri, turbo benzina o diesel a seconda dei mercati, con particolare interesse per il 2.2 turbo diesel nel mercato italiano. Ma anche - si spera - il 2.9 V6 da 510 CV della Quadrifoglio Verde. Mentre è quasi certo che anche il nuovo SUV possa far parte dei modelli premium che, a detta di Sergio Marchionne, adotteranno la nuova piattaforma ibrida plug-in del gruppo FCA.

La concorrenza del nuovo Stelvio sarà eccellente: Audi Q5 (anch'essa attesa al debutto nello stesso periodo), BMW X3, Mercedes-Benz GLC, Jaguar F-Pace, Lexus NX e Porsche Macan sono tutte auto molto riuscite e molto apprezzate.

Quello che noi tutti ci auguriamo e che Alfa Romeo possa finalmente proporre una valida alternativa "made in Italy" alle solite note: prodotto a Cassino sulle linee della Giulia, Alfa Romeo Stelvio arriverà sulle strade italiane entro la metà del 2017. Salvo imprevisti.

Il massimo rapporto qualità/prezzo? Motorola Moto G5, compralo al miglior prezzo da Media World a 139 euro.
Apple Ipad Pro 10,5" Wi-fi 64gb Space Grey è disponibile da puntocomshop.it a 627 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Renault

Renault Scenic dCi 160 EDC Initiale Paris: recensione e prova su strada | HDtest

Renault

Renault Koleos: recensione e prova su strada

Tesla

Tesla Model S 100 D | Prova su strada e Focus Tecnologia

Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest