Sense-A-Life: il dispositivo connesso salva-bambini

29 Marzo 2016 0

Viene da due padri di famiglia l'idea di un dispositivo connesso che consenta di non dimenticare i bambini in auto. Una realtà che, purtroppo, fa ancora diverse vittime ogni anno.

Si chiama Sense-A-Life ed è un dispositivo connesso, inventato da due padri americani, che consente di rilevare la presenza di un bambino su un'auto lasciata in un parcheggio. La soluzione è stata studiata per cercare di evitare quelle situazioni - purtroppo molto frequenti - in cui si dimenticano i bambini in auto, causandone spesso la morte (1 bambino ogni 8 giorni) per soffocamento o per ustioni dovute alle temperature torride raggiunte all'interno delle auto.


Sense-A-Life è un semplice dispositivo che invia un messaggio di allerta allo smartphone del genitore (o di entrambi i genitori) qualora i due sensori di pressione - uno posizionato sotto il sedile del conducente, l'altro sotto il seggiolino del bambino - rilevino l'assenza del conducente in concomitanza con la presenza del bambino. Se non c'è una risposta da parte del genitore, come anticipato, sarà possibile inoltrare il messaggio ad altre figure prestabilite.

Anche la NASA, l'agenzia spaziale nordamericana, ha realizzato una soluzione ancora più completa per cercare di eliminare un problema che ogni anno miete diverse piccole vittime: già nel 2002, gli ingegneri NASA hanno infatti sviluppato un sensore di pressione per i sedili dei bambini, che invia un segnale al portachiavi del conducente se il conducente stesso si allontana troppo dall'auto e il bambino è ancora seduto sul seggiolino. Una tecnologia semplice che, grazie alle smart key sempre più frequenti anche nelle auto economiche, potrebbe essere facilmente implementata come standard di sicurezza.

Il progetto Sense-A-Life non è ancora acquistabile: la start-up dei due papà inizierà una campagna di autofinanziamento su Kickstarter nel mese di Aprile, con la promessa che il prezzo del dispositivo, una volta raggiunta la cifra necessaria per iniziare la produzione, sarà economico (nell'ordine - si dice - dei 20-30 dollari).

La nostra speranza è che questa notizia spinga anche le Case automobilistiche a sviluppare dei sistemi per garantire che simili tragedie non possano che essere un brutto ricordo. Costassero anche 1000 euro.

Fotocamera al top e video 4K a 60fps con tutta la qualità Apple? Apple iPhone XS, in offerta oggi da Techinshop a 865 euro oppure da Unieuro a 1,129 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Hyundai

Hyundai Kona Electric: prova consumi, autonomia reale e costi ricarica | Video

Auto elettriche: le ho provate tutte e vi racconto una storia | Video

Dacia

GPL auto: guida completa, caratteristiche, costi e manutenzione | Dacia Duster

Jeep

Jeep Compass 1.6 Multijet 120 CV Limited: recensione e prova su strada | VIDEO