Maserati Levante: a guida semi-autonoma entro il 2018

24 Marzo 2016 0


Maserati è al lavoro su un sistema di guida semi-autonoma che dovrebbe arrivare entro i prossimi due anni sul SUV Levante, per poi diffondersi anche su Ghibli e Quattroporte.

Maserati conferma di nutrire grandi ambizioni e speranze per il nuovo crossover Levante, presentato a New York in anteprima americana. Per l'occasione Harald Wester, amministratore delegato di Maserati, ha rilasciato ad Automotive News alcune anticipazioni riguardo alle future tecnologie che debutteranno proprio sul SUV del Tridente: Maserati sta portando avanti lo sviluppo di un sistema di guida semi-autonoma, denominato da Wester "highway pilot".

Secondo il manager tedesco, il nuovo sistema renderà automatica "la parte noiosa" della guida, ossia tutte quelle situazioni in cui il conducente della vettura non può divertirsi tra le curve, autostrada in primis.

Si tratterà dunque di un sistema di auto-pilot simile a quanto già propongono le colleghe Audi, BMW, Mercedes-Benz, Tesla e Volvo: una guida autonoma solo quando non è possibile divertirsi alla guida sportiva, lasciando tutto il piacere di guidare al conducente quando le condizioni lo prevedono.

Maserati sembra dunque avere le idee ben chiare riguardo alla propria mission: la tecnologia è sacrosanta, ma chi compra una Maserati vuole, prima di ogni cosa, godersi la propria vettura tra le curve stringendo il volante con le proprie mani.

Il nuovo Levante, in produzione da febbraio e già in vendita in Italia a partire da 73.417 euro (prezzo riferito alla Diesel, da 250 o 275 CV, mentre la S con il 3.0 biturbo da 430 Cv si attesta sui 91.358 euro), è già dotato di sistemi di assistenza alla guida come il cruise control adattivo, la frenata d'emergenza automatica, il sistema che mantiene la vettura in carreggiata e le telecamere a 360°. Il sistema di guida semi-autonoma verrà poi diffuso sulle versioni aggiornate di Ghibli, Quattroporte e la nuova generazione di GranTurismo.

Il Levante sarà anche il primo modello italiano di FCA a montare, entro i prossimi due anni, il sistema ibrido plug-in, che ha debuttato sulla monovolume Chrysler Pacifica a inizio anno. Come per la guida autonoma, anche in questo caso il sistema ibrido sarà un elemento che consentirà alla Levante di avere maggiori prestazioni con consumi ed emissioni paragonabili ad auto con prestazioni inferiori.

Il nuovo Levante se la dovrà vedere con concorrenti agguerrite, del calibro di Porsche Cayenne (la terza generazione è attesa il prossimo anno), Audi Q7, BMW X5/6, Mercedes GLE/GLE Coupé e Volvo XC90, oltre che con i super SUV Aston Martin e Lamborghini, in arrivo nei prossimi 2-3 anni.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Volkswagen

Volkswagen e-Up: un tranquillo weekend di live batteria

Audi

Audi A4 Allroad: recensione e prova su strada | HDtest

Michelin Track Connect: lo smartphone consiglia la pressione pneumatici in pista

Renault

ADAS Renault: vi spiego tutta la tecnologia | speciale guida autonoma LVL 2