Nissan: nel 2016 un'ibrida con range extender

02 Dicembre 2015 0


Nissan si prepara al lancio di un'ibrida con range extender, auto che affianca al motore elettrico un piccolo termico che viene utilizzato come un generatore per la produzione di energia elettrica e a differenza delle ibride non fornisce trazione alla vettura. Secondo i rumors, la nuova Nissan dovrebbe debuttare nel 2016 e, a quanto pare, non sarà una nuova versione della Leaf o un modello basato sulla EV di casa.

L'auto sarà la risposta dei giapponesi a modelli come la BMW i3 con range extender e la Chevrolet Volt, quest'ultima presentata in USA al NAIAS 2015 e aggiornata con un pacco batterie agli ioni di litio da 18.4 kWh e un termico quattro cilindri da 1.5 litri per ricaricare le batterie utilizzate dal motore elettrico. Con una carica è possibile viaggiare per 80 chilometri senza bruciare un goccio di benzina mentre l'autonomia complessiva con un pieno è di 676 chilometri. BMW i3 invece consente di viaggiare per circa 150 km in modalità elettrica e di arrivare ad un totale di 300 chilometri con il range extender, un piccolo 650 cc benzina che attinge da un serbatoio da meno di 10 litri. Riuscirà Nissan a superare queste prestazioni con la sua nuova ibrida?

Chissà, quel che è certo è che Nissan sta potenziando la sua gamma elettrica grazie al recente upgrade della Leaf che, grazie alle nuove batterie da 30 kWh, è arrivata a 280 chilometri di autonomia rispetto ai 228 km del pacco da 24 kWh.

L'unico vero Note? Samsung Galaxy Note 9, in offerta oggi da Technopoint a 569 euro oppure da ePrice a 712 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Sony

Sony, ecco l'autoradio 1 DIN con CarPlay, Android Auto e display da 9"

Linate chiude per tre mesi e trasloca a Malpensa: ecco tutti i motivi | Video

Mazda

Mazda Skyactiv-X: come funziona il benzina che si crede un diesel

Recensione Xiaomi M365 Pro: anche il miglior monopattino elettrico ha dei difetti