Shark Skwal: il casco con LED integrati

11 Maggio 2015 0


C'era una volta lo Shark S900, uno dei modelli più venduti del produttore insieme a Speed R, EvoLine e al mitico Raw, un modello che in UK è stato in grado di "creare" il mercato dei jet prima snobbati dal pubblico inglese. Oggi l'S900 evolve, cambia nome e diventa Shark Skwal, il casco con LED integrati che stabilisce un primato e lo fa senza rinunciare alla sicurezza e alle caratteristiche tecniche a cui ormai siamo abituati in casa francese.

Skwal ha già iniziato a raccogliere l'eredità dell'S900 (forte di 40.000 vendite annue) e ha fatto segnare nel primo periodo di lancio (marzo 2015) già più di 30.000 unità vendute. Il casco è uno dei top della gamma a termoplastica iniettata del produttore, modello che si aggiorna con la nuova visiera con Pinlock Max Vision che ampia il campo di visuale a vantaggio della sicurezza.

Para-naso e sottogola sono di serie così come i LED, quattro stringhe tra anteriore e posteriore che possono funzionare in modalità "fissa" o a luce intermittente che permette anche di aumentare l'autonomia da 5 a 10 ore. Tramite il cavo integrato, poco ingombrante e estraibile dal posteriore, si può ricaricare la batteria con un qualsiasi caricatore USB.


Con Skwal, Shark punta ad introdurre il concetto di "sicurezza attiva" anche nel mondo dei caschi grazie all'illuminazione ma restano le caratteristiche "passive" delle ultime novità come Race Pro Carbon, la tecnologia ad elementi finiti che permette di simulare la risposta dei materiali e delle componenti in caso di incidente e aiuta in fase di progettazione. Il risultato è una maggior sicurezza affiancata da un miglior comfort e ovviamente da un peso minore permettendo di ridurre l'affaticamento di testa e collo (1.470 grammi in taglia M contro i 1.600 dell'S900).

Anche l'aerodinamica migliora mentre per l'aerazione ci sono due prese frontali, un sistema di canalizzazione interno e l'estrattore posteriore per togliere umidità e calore.

A completare il quadro ci sono poi gli interni ai carboni attivi (removibili e lavabili), visierino parasole, l'Easy Fit per facilitare l'utilizzo con gli occhiali, la predisposizione per lo Sharktooth ma anche due sistemi per migliorare le prestazioni della visiera nell'utilizzo di tutti i giorni. Tramite "autoseal system" la visiera viene "risucchiata" verso la calotta (per mezzo di una guarnizione) così da aderire al meglio ed evitare infiltrazioni d'aria (o di acqua) mentre il "rapid antifog system" altro non è che uno scatto di apertura in posizione anti-appannamento.

Shark Skwal costa 229EUR (fino a 269EUR per le grafiche) ed è disponibile nelle taglie dalla XS alla XL in un'unica misura di calotta. Nei prossimi tempi lo proveremo per raccontarvi comfort, tecnologia e ovviamente mostrarvi l'effetto dei LED in moto.


0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ford

Ford Fiesta 2018: anche per i neopatentati | video recensione e prova su strada

Kia

Kia Picanto X-Line e GT: prova in anteprima del 100 CV 1.0 T-GDI

Mahindra

Mahindra KUV100: recensione in anteprima del SUV da meno di 11.000 euro

HDBlog.it

Le migliori tecnologie di Ginevra 2018: dal pneumatico vivente ai fari smart Mercedes