AUDI e-diesel e non solo

21 Aprile 2015 0


Arrivano i primi risultati per il carburante sintetico che la Casa tedesca ha iniziato a sviluppare: sono stati prodotti i primi litri. Per Audi questi carburanti sostenibili sono il futuro.

Lo scorso novembre Audi aveva lanciato un progetto pilota, finanziato in parte dal governo, in un nuovo impianto a Dresda per la produzione dell´e-diesel, con acqua, aria ed elettricità verde. Il progetto è nato dalla collaborazione tra la Casa costruttrice, l´azienda tedesca Sunfire e l´elvetica Climeworks.

Una parte di CO2 viene ricavata direttamente dall'aria utilizzando una tecnologia sviluppata dai partner svizzeri Climeworks, mentre il rimanente è fornito da una struttura di biogas.


In un processo separato, un´unità di elettrolisi divide l'acqua in idrogeno e ossigeno. Questa unità funziona con l'elettricità prodotta in modo sostenibile. L'idrogeno viene fatto reagire con l´anidride carbonica in due processi chimici effettuati ad una temperatura di 220 gradi Celsius ed una pressione di 25 bar, per produrre un liquido costituito da idrocarburi denominato "Blue Crude", che per l´80 per cento può essere trasformato in carburante diesel sintetico, privo di zolfo e composti aromatici. Questo combustibile prende il nome di e-diesel.

Con questo processo produttivo il diesel sintetico ha un elevato numero di cetano, il che significa che è facilmente combustibile. Le sue proprietà chimiche gli permettono di essere utilizzato da solo come combustibile convenzionale, oppure può essere miscelato con il gasolio fossile in qualsiasi proporzione. Inoltre, sono previsti sistemi di recupero del calore. In questo processo, l'efficienza è stimata da Audi al 70 per cento.

Questo progetto è stato preceduto da una fase di preparazione e di ricerche di due anni. Ora, dopo una fase iniziale di quattro mesi, la Casa degli anelli ha comunicato che nei giorni scorsi sono stati prodotti i primi quantitativi, già utilizzati in alcune autovetture.


Tra le "cavie" una A8 3.0 TDI, l'auto blu del ministro dell'Educazione e Ricerca tedesco Johanna Wanka, in visita allo stabilimento. Per dimostrare l'alta qualità del nuovo prodotto sintetico, i primi cinque litri di e-diesel sono stati così riversati nel serbatoio dell'A8 senza alcun imprevisto di sorta.

Audi crede molto nei combustibili sostenibili e, convinti che la filosofia "carbon neutral" sia quella giusta, stanno sviluppando altri carburanti sintetici: l´attività ha avuto inizio nel 2009.

L'impianto di Werlte produce metano sintetico, l´e-gas, che si può utilizzare sull´A3 Sportback g-tron. Audi sta anche conducendo ricerche per la produzione di benzina sintetica, in collaborazione con la società francese Global Bioenergies.

Audi sta promuovendo anche lo sviluppo di nuovi carburanti senza CO2 grazie ad un´innovativa tecnologia che usa microorganismi per produrre diesel ed etanolo, grazie alla collaborazione con la società americana Joule Unlimited.


I veri protagonisti del progetto Joule sono i cianobatteri, organismi monocellulari che misurano circa un millesimo di millimetro, una delle forme di vita più antiche della terra. Questi batteri hanno bisogno per il loro sostentamento solo di CO2, acqua ed energia solare. Tuttavia, invece di usare la fotosintesi per generare nuove cellule, producono un flusso continuo di altri idrocarburi, come l´etanolo, parte fondamentale dei carburanti diesel.

L´etanolo Audi ha le stesse caratteristiche chimiche del bioetanolo già presente sul mercato ma ha il vantaggio, e il beneficio per l´ambiente, di essere prodotto senza biomasse. Può essere usato come additivo al carburante fossile o come base del carburante E10 e E85. Il diesel Audi, invece, è senza solfuri e la sua composizione chimica lo rende adatto a essere combinato con carburante fossile in varie proporzioni.

Questo significa che il rendimento di questa tecnologia è almeno dieci volte maggiore del normale bioetanolo; in più, le grandi aree usate per la produzione possono essere scelte tra quelle non adatte per l´agricoltura e la coltivazione, come le regioni calde e asciutte del New Mexico, dove stanno costruendo la prima struttura. Sarà la prima del suo genere capace di produrre carburanti sostenibili direttamente dalla luce del sole e dal CO2.

La collaborazione tra Audi e Joule Unlimited è cominciata nel 2011: l´azienda americana ha brevettato le sue futuristiche scoperte tecnologiche e la Casa costruttrice ha acquistato i diritti esclusivi per il settore dell´automobile.

Tornando all´e-diesel prodotto a Dresda, nei prossimi mesi, Audi conta di sintetizzarne più di 3 mila litri.


Il potenziale dei biocarburanti è enorme per il nostro futuro e quello dell´ambiente e a Ingolstadt l´hanno già capito da un po´...

Lo smartphone Android più completo sul mercato e con il miglior display in commerico? Samsung Galaxy Note 8, in offerta oggi da Putunga a 744 euro oppure da Amazon a 844 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Renault

Renault ZOE BOSE Q90 FLEX | HDtest

Tesla

The Boring Company: la prima foto del "tunnel" rivoluzionario di Elon Musk

Pneumatici invernali: video guida e 10 domande sulle gomme da neve

Auto

Porsche 718 Boxster e Cayman: finalmente anche GTS