MV Agusta Turismo Veloce 800: caratteristiche e foto

04 Novembre 2014 0

MV Agusta propone diverse alternative per viaggiare e, dopo la Stradale 800, arriva MV Agusta Turismo Veloce 800. Il tre cilindri da 126 cavalli cresce nella coppia (84 Nm) e migliora i consumi con l'immancabile elettronica tra cui MVICS 2.0, controllo di trazione su otto livelli, cambio elettronico EAS 2.0 e quattro mappature. La Sport è l'unica da 110 cavalli mentre Rain e Touring tagliano la potenza a 90 CV e la Custom permette di scegliere le proprio impostazioni preferite.

A disposizione del pilota troviamo le regolazioni della sensibilità del gas (3 livelli), freno motore (2 livelli), risposta del motore (2 livelli), intevento del limitatore e curva di coppia (2 livelli). La sella è alta 870 mm da terra mentre la moto pesa a secco 207 chilogrammi e il serbatoio contiene 20 litri di benzina.

Immancabili i fari full LED e la strumentazione digitale su schermo a colori da 5 pollici. Con il Bluetooth si può sfruttare l'app dedicata per interfacciarsi alla moto da smartphone e tablet mentre chi vuole il massimo può scegliere Turismo Veloce 800 Lusso.

Questa versione aggiunge le sospensioni controllate elettricamente, GPS, cruise controle, manopole riscaldate e valigie da 30 litri ognuna al costo di 3000EUR in più rispetto ai 15.990EUR della Turismo Veloce 800.

Lo smartphone Android più completo sul mercato e con il miglior display in commerico? Samsung Galaxy Note 8, in offerta oggi da Tigershopit a 595 euro oppure da ePrice a 654 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Ford

Ford Fiesta 2018: anche per i neopatentati | video recensione e prova su strada

Kia

Kia Picanto X-Line e GT: prova in anteprima del 100 CV 1.0 T-GDI

Mahindra

Mahindra KUV100: recensione in anteprima del SUV da meno di 11.000 euro

HDBlog.it

Le migliori tecnologie di Ginevra 2018: dal pneumatico vivente ai fari smart Mercedes