BMW Serie 2 Active Tourer: foto e specifiche della MPV bavarese a trazione anteriore

14 Febbraio 2014 0


I puristi del marchio sicuramente storceranno il naso solo leggendo che BMW debutta nel segmento dei monovolume compatti, decisione di coraggio della casa dell'elica ma indirizzata alla nuove esigenze del mercato; ma c'è dell'altro, infatti per la nuova BMW Serie 2 Active Tourer, a Monaco hanno previsto la trazione anteriore, rompendo con il passato e proponendo cosi, senza pudore, la prima BMW che "tira da davanti".

Dopo Alfa Romeo, Mercedes e vari altri costruttori, anche BMW si adegua alle esigenze attuali che favoriscono la praticità a scapito della sportività; ma forse, da un marchio che fa proprio della sportività il suo cavallo di battaglia non ce lo saremmo aspettati. Il motore montato anteriormente in posizione trasversale che trasmette la trazione alle ruote anteriori permette di sfruttare meglio gli spazi interni, evitando per esempio l'ampio tunnel centrale dell'albero di trasmissione, garantendo quindi maggior abitabilità e praticità nell'abitacolo.


Nella categoria delle vetture compatte premium la nuova BMW Serie 2 Active Tourer combina comfort, abitabilità e funzionalità con i tipici valori BMW, come dinamismo, stile ed eleganza.

La BMW Serie 2 Active Tourer è una MPV compatta sviluppata sulla nuova piattaforma modulare del gruppo, lunga 4,34 metri, larga 1,80 e alta 1,55, con un passo di 2,67 metri, caratterizzata da linee muscolose ed aggressive, con fiancate alte segnate da molte nervature che ne alleggeriscono la linea. Oltre all'abbondante spazio disponibile per i cinque occupanti, anche il baule (a richiesta con apertura automatica) fa il suo dovere e permette di trasportare i relativi bagagli offrendo una capienza variabile da 468 a 1510 litri ripiegando i sedili posteriori.


Tre i motori offerti al lancio, tutti turbo e ad iniezione diretta. I benzina sono due: il 1.5 tre cilindri (con contralbero) per la 218i, dotata di 136 CV e 220 Nm a 1.250 giri/min; ed il quattro cilindri 2.0 da 231 cavalli e 350 Nm a 1.250 giri della 225i (entrambi proposti anche per la nuova generazione di MINI). La 218i raggiunge i 200 km/h e accelera da 0 a 100 km/h in 9,3 secondi, con una percorrenza media di 20,4 km/l. Mentre il duemila della 225i, permette alla monovolume di toccare i 235 km/h e di coprire lo 0-100 in soli 6,8 secondi, percorrendo in media 16,7 km con un litro. L'unica propulsione diesel consiste nel due litri, quattro cilindri, da 150 CV e 330 Nm, della 218d: per cui sono dichiarati 205 km/h di velocità massima, "0-100" in 8,9 secondi, con un consumo limitato a 24,4 km/l. Tutte le motorizzazioni dispongono di omologazione Euro 6 e pacchetto EfficientDynamics (stop&start e impianto di rigenerazione di energia in frenata Brake Energy Regeneration).

Com'è facilmente prevedibile la dotazione tecnologica e di sicurezza è al top; L'infotainment prevede il ConnectedDrive con schermo fino a 8.8 pollici, e tra gli optionals sono proposti i noti sistemi di ausilio alla guida come il cruise control adattivo con funzione Stop&GO, l'assistente di guida in colonna e l'Head-Up Display.


Esposta in anteprima al Motor Show di Ginevra, sarà poi disponibile nelle concessionarie ad inizio estate negli allestimenti Modern, Luxury e Msport, con un prezzo di listino a partire da circa 25 mila Euro. Successivamente sono previste anche versioni a trazione integrale xDrive.

Di seguito tutte le immagini della nuova MPV di casa BMW che farà molto parlare di sè.

Lo smartphone Android più completo sul mercato e con il miglior display in commerico? Samsung Galaxy Note 8, in offerta oggi da Tigershopit a 569 euro oppure da Amazon a 639 euro.

0

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Audi

Audi Q2: recensione e prova su strada | HDtest

Hyundai

Hyundai IONIQ Electric: Live Batteria in extra-urbano

Volkswagen

Auto elettriche 2018: i modelli in commercio in Italia, prezzi e autonomia

È il navigatore l'optional più richiesto dagli automobilisti italiani